Material design, cosa è? Il flat design è già fuori moda?

Material design, con nome in codice quantum paper, è un linguaggio realizzato da Google e annunciato in occasione del Google I/O di giugno 2014.

Perche continuo a sentire che il Flat design è fuori moda ?
I più grossi siti di e-commerce compreso anche Facebook (come Social) utilizza il Flat design!
Chi ha deciso che è vecchio ?

Siccome il “nuovo” è il material, il flat è diventato “vecchio”, ma sono solo alambiccazioni mentali di chi è attento alle ultime tendenze in fatto di grafica.

Ormai dire “Flat” è come dire “Pasta”, se non specifichi “il condimento” non hai detto niente.

Vi faccio alcuni esempi:
IOS è principalemente flatdesing… flat vuol dire un design semplice e minimal opposto allo scheumorfismo.

Con material, indichiamo uno stile che riguarda anche l’animazione dell’oggetto grafico, attribuirlo a una grafica statica per me non ha senso. il nome, material, è dovuto proprio alla capacità di trasformarsi della grafica da un elemento all’altro, in maniera fluida.

Questo video ne illustra in breve le caratteristiche

Il Material Design sta per arrivare. Inteso in senso lato come un’evoluzione del flat, lo stile ‘materiale’ è destinato a diventare il punto di riferimento del mondo del web e del mobile.

I primi passi verranno mossi su Android L, il nuovo sistema operativo di casa Google.

Cos’è il material design?

‘Creare un linguaggio visivo che sintetizzi i principi classici di buon design con l’innovazione e le possibilità della scienza’. Questa è la sua mission, vale a dire l’intento di offrire un’esperienza unificata tra diverse piattaforme.

Il concetto di materiale è una metafora, che cela l’idea di rendere come “materiali” gli elementi grafici, che quindi non risultano più essere piatti e schiacciati come nel Flat Design, ma con un loro spessore fisico e con una loro ombra. Diventano quindi dei veri e propri oggetti tridimensionali.

Il Material Design diventa quindi una sorta di sintesi fra due tendenze: il Flat Design e lo Scheumorfismo.

Su Panorama lo descrivono come “Material Design è la parola che descrive il codice di sviluppo introdotto da Google con Android 5.0 Lollipop. La grafica riprende lo stile utilizzato dalle schede di Google Now in cui bastano pochi gesti per visualizzare le notizie di interesse, gli appuntamenti in agenda e scartare le informazioni ritenute non interessanti. La stessa logica che Google ha deciso di adottare sull’ultima versione del suo sistema operativo per smartphone e tablet che grazie ad animazioni, transizioni e ombre rappresenta “il miglior compromesso tra digitale e inchiostro”.

Lo scopo del Material design è dare maggiore uniformità al design delle app presenti sul Play Store. In poche parole, il material design è destinato a diventare un punto di riferimento per la creazione e l’aggiornamento di app web e mobile. In questo modo, nel passaggio tra diverse piattaforme e dispositivi, l’esperienza rimane unificata. Questo è anche uno dei punti cardine della filosofia di Google.

Posted in comunicazione visiva, M.