Da grande voglio fare il copywriter

Voglio “diventare copywriter”. In base alla mia esperienza, vi spiego come si fa: Caso A: per “copywriter” tu intendi: redattore di articoli sul web (e basta). In questo caso potrebbe andar bene leggere qualche manuale da autodidatta, senza nessuna esperienza pregressa, e poi semplicemente mettersi a scrivere, all’inizio per pochi soldi. Nella maggior parte dei casi la vedo come un’attività per arrotondare lo stipendio di un altro impiego, anche se con impegno e capacità – come per qualsiasi altra impresa – può anche diventare un lavoro vero e proprio. Ad esempio (pare) ci sia gente che fa parecchi soldi scrivendo e autopubblicando decine di ebook di self-help e simili su Amazon. caso B: per “copywriter” tu intendi: “copywriter pubblicitario”  Quello […]

Crisi anno 2020: lo Scenario è Pronto per una Crescita Senza Precedenti.

🚀 Lo Scenario dopo Coronavirus è Pronto per una Crescita Senza Precedenti. L’attuale pandemia del Coronavirus è una crisi di un livello che molti di noi non avevano mai visto prima. Città e paesi sono bloccati in casa. Grandi eventi sportivi e di business cancellati. Persone in fila per fare la spesa di “riserva”. Stavo riflettendo proprio sulla metafora dell’orso addormentato, in questo periodo tutti abbiamo ridotto al minimo i consumi e stilato una lista del ”minimo necessario” in attesa che questa tempesta passi. Vedo e sento persone (e quindi consumatori…) che pero’ non vedono l’ora di uscire, di ripartire e questo vuol dire che: scenario dopo coronavirus: ci sarà un rilancio pazzesco non appena le acque si calmeranno. Questo […]

Che cosa è un  algoritmo? E se anche tu lo fossi?

Come possiamo essere sicuri che  animali come i conigli abbiano effettivamente un mondo soggettivo di  bisogni,  sensazioni ed  emozioni? Non commetteremmo l’errore di antropomorfizzare gli animali, per esempio attribuendo qualità umane ad entità non umane, un po’ come i bambini credono che le bambole provino amore e rabbia? In realtà attribuire emozioni ad un coniglio non significa umanizzarlo. Semmai, significa mammiferizzarlo. Le emozioni, infatti, non appartengono soltanto agli uomini, esse sono una caratteristica che condividiamo con tutti i mammiferi (come anche con tutti gli uccelli e probabilmente con certi rettili e perfino con i pesci). Tutti i  mammiferi hanno sviluppato abilità e bisogni emotivi, e poiché i conigli sono mammiferi, possiamo dedurre la logica conseguenza che essi provano emozioni. Negli ultimi decenni i […]

Like addio! La vanity metric più sopravvalutata della storia ci saluta.

Da oggi (non per tutti ancora), i like non saranno più visibili alla nostra audience. Da qui a breve i like di Instagram saranno visibili solo alla persona che amministra l’account. Il social network ha infatti deciso di avviare alcuni test in diversi paesi, compresa l’Italia, togliendo la possibilità di vedere quanti “mi piace ” ha ricevuto un post. Si potrà sempre porre la propria approvazione davanti a un contenuto ma scomparirà la possibilità di vedere quali siano i numeri complessivi raccolti fino a quel momento. Solo la persona che amministra l’account potrà vederli. ➡️Cosa cambia per noi marketer? NULLA. Non mi dire che basavi la tua strategia sui like‍♂️ ➡️Cosa cambia per gli influencer? NULLA. Un influencer si valuta […]

Valore del brand, Diesel perde follower con i festeggiamenti del Pride; cosa è successo.

Nel pieno dei festeggiamenti per il pride, Diesel è stata presa di mira per aver aver pubblicato una foto in cui sono rappresentate persone intente a baciarsi o semplicemente una appoggiata all’altra. Si tratta di coppie etero e omosessuali, nessuna delle quali in atteggiamenti scandalosi. Si tratta di coppie che esprimono il loro modo di amarsi. Si tratta di coppie. Si tratta di persone. Molti utenti hanno commentato in maniera sfavorevole accusando il marchio di fare “pubblicità sgradevole” e 14 mila di loro hanno scelto di smettere di seguire il brand. La reazione di #diesel ? ➡️”Abbiamo messo il Pride nei nostri valori da oltre quarant’anni e noi crediamo nel Pride. Per coloro che non lo fanno, inclusi i 14.000 […]

Hater e bulli digitali; istruzioni per l’uso.

Oggi affrontiamo un argomento un pà delicato, argomento di cui molte persone soffrono. Oggi parlamo di bulli digitali, oggi vi parlo di questi piccoli ominidi che, forti del celarsi dietro una tastiera, si improvvisano tuttologi del web generalmente aggredendo tutto e tutti con l’intento di destabilizzare chi veramente le cose vuole farle bene e condividerle. Cosa posso dirvi degli haters? Vademecum per una vita digitale rilassata ed ironica: ✅ Non rispondete, li farà irritare ancora di più/zittirà ✅ Scrivete al termine del loro poema “hai ragione”. Smetteranno di scrivere forti della loro vittoria digitale (😂) ✅ La loro riprova sociale è avere l’ultima parola e soprattutto screditarvi, quindi evitate di far capire ad un asino che si sente un cavallo. […]

Ok il prezzo è giusto! Il ruolo che gioca il prezzo in una strategia di marketing.

Scelta Prezzo Marketing: Quando proponiamo un tripwire (Il concetto è abbastanza chiaro: è uno strumento che utilizziamo per creare un funnel di conversione, nascosto, che farà cadere il Lead nella nostra “trappola”.) molte volte non sappiamo davvero a che prezzo metterlo sul mercato. Questo può essere un problema in quanto potremo perdere clienti perché lo proponiamo a un prezzo troppo alto o potremo perdere profitti perché lo facciamo troppo economico. Di sicuro possiamo fare reverse engineering dei funnel dei nostri competitor per capire a quanto propongono loro un tripwire. A un certo punto però è sempre consigliabile testare diversi price point. A Marketers abbiamo fatto questo testando 7, 17, 27 e 37 euro e abbiamo trovato come 17 euro sia il […]

Il tuo telefono, un orecchio indiscreto che ti ascolta.

#amazon #ecommerce #machinelearning Sento spesso persone che parlano di strane coincidenze pensando a microfoni che ascoltano, secondo me sono semplici coincidenze, nel senso che chissà quante volte ti sono capitate le pubblicità di un dato prodotto sulla home di Amazon ma ci hai fatto caso solo dopo aver fatto una conversazione che contenesse quel dato oggetto. Un mio amico ha un figlio di 7 anni, gli compra un sacco di Lego e Amazon gli propone sempre nuovi lego da acquistare. Ieri e l’altro ieri, dopo aver visto dei giochi di un’amichetta, scherzando gli ha detto: “Il prossimo regalo sarà una Lol Surprise” (giochi da bambina). Ieri magicamente Amazon cosa gli ha proposto? Si sa che Amazon usa il microfono del […]

La mia scuola sono i miei clienti; ecco cosa mi insegnano tutti i giorni.

Negli ultimi 10 anni circa, il mio lavoro a preso una deriva estremamente orientata al marketing. 👉 Da quando ho iniziato a lavorare come freelance  il mio modus operandi è cambiato radicalmente. Se dovessi esprimere con una parola quello che i miei clienti  mi danno sarebbe: Mindset 👉 Ho iniziato aiutando le persone a risolvere i problemi tecnici riscontrati nella strutturazione di processi di vendita automatici. Oggi, dopo 10 anni di lavoro, a 36 anni, le mie responsabilità sono aumentate a dismisura, arrivando a gestire progetti complessi che hanno richiesto e richiedono molto impegno e dedizione 👇 Quello che apprezzo dei miei clienti, l’ho detto più volte e continuerò a farlo, è lo spirito di squadra che c’è al di […]

Quale Copy funziona meglio?

“Ti Mette le Ali” o “Just do It”? Un messaggio è terribile, l’altro è fantastico. Quale sarà quello sbagliato? Andiamo a vedere 2 lezioni importantissime sullo “scrivere per attrarre” che possiamo imparare da questo confronto titanico. PRIMA LEZIONE DI COPYWRITING: l’importanza del tormentone. Quando si tratta di scrivere, sono tutti fissati con la creatività e la fantasia. Ma pochi hanno capito la potenza di un tormentone. Ossia di martellarti con UNA SOLA COSA, fino a quando non ti rimane impressa. DEVI TORMENTARLI COL TUO MESSAGGIO. Il tuo pubblico dimentica e, se cambi messaggio ogni 2 minuti, non avrai mai un’identità nella loro testa. Devi dargli il tempo di associarti ad una determinata parola (che poi è la base del Brand […]

Campagne email Marketing, nel copy è meglio dare del Tu o del Lei all’utente?

Oggi rispondo alla email inviatami da Giorgio B. di Torino Gentile Dott. Calabresi Le scrivo per avere un suo consiglio sul copy di alcune email che sto preparando. Si tratta di una serie di 3 email di “onboarding”, ossia quando il prospect accetta di fare una prova gratuita del servizio. In realtà le ho finite ma nel momento in cui le rileggo vengo assalito da un dubbio atroce. Mi spiego meglio. Seguendo dei forum di settore e avendo anche studiando qualche info-prodotto so che bisogna usare il “tu” nelle comunicazioni e quindi le ho scritte tutte così, col tu. Ora il dubbio che mi è venuto è questo: siccome sono email in cui “non vendo” ma do indicazioni e suggerimenti […]

Vita da nomade digitale e marketing expert.

Sentirsi un nomade digitale Sto scrivendo questo post da un Freccia Argento che sfreccia in direzione Torino. Nelle prossime settimane lavorerò da Nomade Digitale durante il mio viaggio di lavoro in Nord Italia – Milano – Torino – Venezia WORKING AROUND Ci si aspetta sempre di vedere le persone che fanno questo lavoro dentro un ufficio di qualche azienda o un co-working space di lusso. Io invece farò questo viaggio in nord Italia esattamente come il viaggio che feci 1 anno fa nel Regno Unito. Allora avvero appena lasciato un lavoro di consulente per una grande multinazionale e non avevo grandi prospettive per il futuro. Di sicuro ne sapevo molto meno rispetto ad oggi riguardo il digital marketing e non […]

Where’s the Agency Beef, se togli la creatività?

La scorsa settimana, appena uscite le prime dichiarazioni di Mark Read, nuovo CEO di WPP, seguendo vari magazine di settore mi sono imbattuto nella seguente riflessione: “ma se fino ad oggi le grandi holding della comunicazione vantavano una superiorità sulla cultura di marca e sulla creatività collegata, dopo questa conferenza stampa dobbiamo prendere atto del fatto che non solo hanno un gap di talento, ma che considerano questo aspetto poco importante. Insomma, Where’s the Agency Beef, se togli la creatività?” Vi ricordate l’indimenticabile pezzo di Joe Sedelmeir per Wendy? Che i panini siano grandi o piccoli, di farina bianca o integrali, apriteli e guardateci dentro: se ci sono autori professionali e creativi di talento, le vostre campagne saranno buone. Se […]

Una mia definizione di Digital Marketing

Marketing digitale non è un concetto astratto. Marketing digitale è azione. Un’azione intelligente, non forzata, che guida, non che invade. Un’azione di pieno rispetto: rispetto per l’utente che non viene importunato bensì guidato. Guidato verso un obbiettivo che l’azienda si pone ma non impone. Esperienze svariate della vita di tutti i giorni possono mostrare il rilievo del marketing digitale e della sua concretezza al di fuori del web. Un primo gradino, un primo passo, ma anche un tassello di un mosaico più ampio, ecco cosa rappresenta il digital marketing! La destinazione? Varia da azienda a azienda ma è possibile riassumerla in una frase: la soddisfazione dell’utente che per prima cosa incontra, incontra ciò che cerca, perché solo un utente soddisfatto […]

Marketing: Il famoso “approccio negativo”

Un pò di storia su questo approccio: Strategia utilizzata ed inventata da William Bernbach, denominata negative approach, e basata sull’esaltazione di un aspetto negativo del prodotto con lo scopo di attirare il consumatore e allo stesso tempo accompagnarlo in un ragionamento che trasformava facilmente tale aspetto in un punto di forza. Attraverso il suo lavoro, egli riuscì a unire l’impatto emotivo derivato dalle immagini alla concretezza di un messaggio razionale. Senza l’utilizzo di iperboli, banalità o ripetizioni, Bill rispettava l’intelligenza del consumatore lasciandogli spesso ampio margine di interpretazione del messaggio. “It’s in, but maybe you shouldn’t be in it” recitava l’ironico slogan per il manifesto di Ohrbach, una piccola catena di magazzini, che proponeva pantaloni all’ultima moda per l’epoca, ma spiegava poi di […]

Nel Digital Marketing se ce la vuoi fare devi darti da fare!

Qualche curiosità spiegata riguardo il mio lavoro di Digital Marketer dato che la maggior parte delle persone mi fa spesso le seguenti domande: 1) Si guadagna? 2) Quanto si guadagna? Queste due semplici domande sul digital marketing aprono la strada di una infinita riflessione. 👉 Senza generalizzare troppo possiamo dire che a noi esseri umani piace tanto ottenere dei risultati e siamo così accecati dal volerli ottenere che però spesso e volentieri non badiamo a come quei risultati possono essere ottenuti. Mai sentito la frase “Things don’t happen overnight” ? Questa è stata una delle frasi che mi ha permesso di non mollare mai, anche di fronte a situazioni disastrose. Siamo bravi a giudicare le persone di successo, attribuendo il […]

Come scegliere un consulente SEO?

Spesso mi viene rivolta la seguente domanda: è meglio scegliere un SEO che opera già nel mercato di riferimento, che quindi conosce bene il mercato e le strategie dei competitor, oppure questa cosa potrebbe rivelarsi negativa in quanto si instaurerebbe una sorta di conflitto di interessi lavorando sulle stesse parole chiave? Oppure la questione è totalmente ininfluente? A me è capitato di farlo.. basta differenziale le offerte ad esempio per gli NCC (i nuovi noleggio con conducente) anche i piazzamenti su chiavi diverse ha aiutato a raggiungere lo scopo. Ho linkato sugli stessi siti ma parlando di escursioni diversi. Questo in realtà potrebbe essere un vantaggio, perché potrebbe essere utile lavorare su parole chiave diverse rispetto ai propri competitor, anzi […]

La lungimiranza delle imprese italiane, quando Olivetti disse no a Steve Jobs

Carlo De Benedetti, famoso imprenditore italiano, negli anni ’80 si trovò in California dove possedeva un team di 300 ingegneri dell’allora gloriosa Olivetti. All’epoca Elserino Piol, uno dei maggiori venture capitalist italiani, inquadrò una startup che stava crescendo bene: Apple. Così attivò un incontro tra De Benedetti e Steve Jobs. Il fondatore di Apple gli propose di finanziare per un milione di dollari la società in cambio del 20% delle azioni. Un investimento che oggi varrebbe almeno 100 miliardi di dollari. Ecco come lo spiega lo stesso De Benedetti:  «Con lui feci la più grande stupidaggine della mia vita. Ero in California, dove lavoravano 300 ingegneri della Olivetti. Ero con Elserino Piol, che mi disse: “Ci sono due ragazzi in […]

Quando brand ed oggetti prendono il nome di chi li ha inventati.

Esiste un termine per indicare un oggetto che prende il nome dal suo inventore, come pullman o bic? Da Barbie a Scotch, passando per Borotalco, Jeep, K-Way e così via. Sono tantissimi i marchi entrati in pianta stabile nel nostro vocabolario quotidiano con un significato più ampio rispetto a quello originario. Sapete della Biro? La Deonomastica, nel nostro caso nomi commerciali o Marchionimi. La deonomastica è lo studio dei nomi comuni, delle espressioni (come i modi di dire) o delle formazioni univerbate che originano dai nomi propri, anche attraverso meccanismi di derivazione. Tali nomi sono detti deonomastici (o anche deonimici). C’è una storia su un eponimo ufficioso, quello del Gran Raccordo Anulare che ufficialmente si riduce nell’acronimo GRA ma si […]

Lingua inglese: skill essenziale per un grafico, marketer o web designer

In questo post vi darò alcuni consigli e link su come studiare questa utile lingua, regina indiscussa del mondo del business. La “lingua inglese“, credo che sia da considerare ormai come una skill essenziale per un web dev/web designer Personalmente ne ho una conoscenza abbastanza buona, riesco a leggere e studiare dall’inglese, parlare in inglese. In tutta onestà io penso che tutti i corsi del mondo saranno sempre dei palliativi in confronto al “vivere la lingua”, se vuoi un consiglio prendi il primo aereo e vai in Inghilterra o negli USA, frequenta gente del posto, esci con qualcuno che non parla la tua lingua, vai nei musei, al cinema, al pub… In una settimana/10 giorni imparerai molto di più di […]

Samsung ci prova con la pubblicità comparativa.

Comunque bello spot, tra pubblicità comparativa e parodia. Gli squali di Apple avranno sicuramente fatto causaSecondo me per chi può permetterselo l’iPhone è sicuramente lo smartphone più sicuro, stabile e facile da usare sul mercato e offre integrazioni in un ecosistema studiato così bene che è a prova di idiota. I telefoni Samsung sono degli ottimi terminali anch’essi costosi con la differenza che ormai il mercato è saturo di convenienti alternative ‘Android Os’ su tutte le fasce. Se non altro Apple si sforza di offrire qualcosa di diverso rimanendo coerente con le sue filosofie di mercato. Per chi se la fosse persa, la pettinatura del tizio con l’iPhone fa ancora troppo ridere Comunque bello spot, tra pubblicità comparativa e parodia. […]

I big data segneranno la fine della pubblicità vecchio stampo?

Così esordisce l’articolo da poco pubblicato nel sito di Business Insider: I tempi di Mad Men sono finiti da un pezzo, ma gli unici a non essersene accorti sembrano proprio i creativi della pubblicità. Mentre il mondo cambia e i modelli industriali sono in continua evoluzione per stare al passo con i tempi, i colossi internazionali sembrano schiavi di vecchie strutture incapaci di far fronte alle nuove esigenze dei clienti. Tradotto: la creatività non basta più e, anzi, rischia di servire sempre meno se non saprà avvicinarsi al mondo dei dati e alla loro analisi. Io personalmente ho riserve in merito. Quando l’essere umano agirà esclusivamente in modo razionale, sarà come dice lui. Finché sarà l’emozione a guidarci, invece: il […]

Il Sole 24 Ore ci parla di come sarà il CEO del futuro.

Riporto il paragrafo con cui chiude l’articole del Sole 24 Ore Come si deve preparare il manager a cambiare la sua giornata tipo? Deve ripensare al proprio lavoro e al modo in cui gestisce le proprie risorse in azienda, rivedendo il ruolo dell’uomo all’interno dell’organizzazione al fine di valorizzare le doti che lo contraddistinguono rispetto alle macchine. «La grande sfida – conclude Troiani – è quella di rieducare le competenze e le risorse investendo in formazione, e quindi aprire le porte alle startup per ibridizzare i modelli culturali e l’approccio all’innovazione. Una cosa, per ora, è certa: è arrivato il momento di agire, e il primo passo è capire come affrontare il cambiamento». . «La rapidissima evoluzione delle tecnologie – […]

Buondì Motta – facciamo chiarezza

Lo spot è firmato Saatchi, sono fra i migliori nel settore a fare guerrilla e comunicazione virale. Hanno riposizionato un brand che nella percezione aveva gli stessi valori degli anni 50. L’han fatto sfruttando la debolezza del target. Un buon studio dei big data. Qualunque cosa si voglia dire del Buondì Motta, è diventato virale sulla rete e in Facebook non si fa che parlare d’altro. Ma prima di complimentarsi per uno spot che giudico “carino”, vorrei spezzare un’arancia, (come diceva una nota comica ai tempi della Dandini) su anni e anni di ammorbante pubblicità buonista Ferrero, a cui va il vero merito per il successo di Motta: l’esasperazione del pubblico per la vomitosa e stucchevole comunicazione da Papaboys rende […]

Mac o windows? L’eterno dilemma

Rispondo a Cristina, Grafica Pubblicitaria di Perugia. Ciao Leonardo! Ho una domanda per te. Voglio comprare un nuovo device da utilizzare per il mio lavoro, che principalmente è quello di grafico e ogni tanto anche web designer. Qui sorge il dubbio esistenziale: mac o windows? Premetto che io ho sempre avuto dispositivi windows ma il mio sogno è sempre stato un bel iMac da 27″. Tu cosa mi consigli? Su cosa lavori? E poi, non meno importante, prendo un portatile che poi attacco ad uno schermo e tastiera esterni o direttamente un fisso? A te la parola! Cara Cristina ascolta il tuo cuore. Dipende se fai parte della setta o se sei atea… Scherzi a parte, ti vorrei fare qualche domanda… Ti […]

Guadagnare sul web, come monetizzare le tue attività online

Tanti mi chiedono, Leo, ma, i soldi, come si fanno i soldi on-line? i soldi, come si fanno i soldi on-line? Le palanche, gli sghei, i quattrini… Online di solito si monetizza la visibilità, ci sono mille modi e c’è ancora molta confusione. Ve ne dico alcuni al volo, anche se ce ne sono mille. Se un tizio, uno you tubber, un facebooker, un qualcuno, un blogger, un qualcuno che c’ha, una community on-line, in qualunque settore, una volta che ha visibilità e credibilità rispetto a queste persone, come la monetizza? Eh, vediamo alcuni esempi. 1 la pubblicità. Grande mito perché, la verità è che tu guadagni, dalla pubblicità, solo se fai dei numeri pazzeschi. Se sei, un quaquaraquà qualunque, fino […]

Ransomware, colpiti ieri 99 Paesi. Facciamo chiarezza.

Un ransomware è un tipo di malware che limita l’accesso del dispositivo che infetta, richiedendo un riscatto (ransom in Inglese) da pagare per rimuovere la limitazione. Ad esempio alcune forme di ransomware bloccano il sistema e intimano l’utente a pagare per sbloccare il sistema, altri invece cifrano i file dell’utente chiedendo di pagare per riportare i file cifrati in chiaro. Inizialmente diffusi in Russia, gli attacchi con ransomware sono ora perpetrati in tutto il mondo. Nel giugno 2013, la casa software McAfee, specializzata in software di sicurezza, ha rilasciato dei dati che mostravano che nei primi tre mesi del 2013 erano stati registrati 250.000 diversi tipi di ransomware, più del doppio del numero ottenuto nei primi tre mesi dell’anno precedente. […]

9 leader Usa su 10 sono laureati. Perde colpi il mito del dropout.

Prendo spunto da un articolo pubblicato nel Sole 24 Ore che esordisce così: il mito dei miliardari dropouts, gli imprenditori arrivati al successo senza aver finito il college? È, appunto, un mito: con buona pace di Mark Zuckerberg, oltre il 90% delle persone ai vertici di aziende e istituzioni Usa si è laureata, frequentando nella metà dei casi gli atenei più elitari del Paese. Sinonimo di dropout è dispersione scolastica; si intende la quota di giovani tra i 18 e i 24 anni che non possiedono un titolo di studio superiore alla licenza media e che non sono coinvolti in attività formativa prevista per la loro età. A mio modesto parere  quella pubblicata nel Sole è una ricerca tipicamente statunitense. […]

Il negozio tradizionale chiude, arrivano i camerini virtuali.

Son dieci anni che tutti gli investimenti di R&D (research and development) vanno verso il body scanning domestico, per ridurre i resi al minimo (è il vero dramma di chi vende abbigliamento on line). Ma una soluzione semplice, efficiente, che funzioni di tutti gli umani ed economica non l’hanno ancora trovata. Ci vuole pazienza: non è facile programmare una macchina che abbia la saggezza e l’occhio di una brava commessa, di quelle che vendevano tutto a tutti. Anche quello che palesemente non era adatto a quella signora. Molte persone pensano che un problema è un problema. Ed è qui che interviene la creatività. Nei prossimi 2 mesi in America chiuderanno più di 3.500 negozi. Molte catene si stanno focalizzando su […]

Performance creative scadenti? Bevete due bicchieri d’acqua.

Premetto che a certa gente bisognerebbe toglierla l’acqua dopo che ho letto questo articolo su LaStampa. A quanto pare, dalle news apprendo che: ricercatori dell’Università di East London hanno appurato che bere 2 bicchieri d’acqua prima di condurre compiti mentali aumenta i tempi di reazione del cervello del 14%. Secondo gli scienziati inglesi «dopo aver bevuto mezzo litro di acqua si hanno tempi di reazione più veloci rispetto a chi non lo ha fatto». Un po’ come se l’acqua fungesse da catalizzatore. Gli esperimenti sono partiti nel 2013 e hanno messo a confronto una serie di test mentali eseguiti da uomini e donne senza bere e dopo aver bevuto. E per tutti «l’acqua ha aiutato il cervello a “liberare” le […]

Black Friday; cosa è? Facciamo chiarezza…

In Italia siamo già alla sua sesta edizione, i fatti dimostrano che molte aziende segnalano vendite da record in questo giorno. Ma come funziona e dove nasce il Black Friday? Il Black Friday è una giornata in cui i siti di e-commerce come Amazon e tanti altri negozi propongono gli sconti più alti dell’anno per una durata limitata a 24 ore massimo. La settimana in cui cade il Black Friday è chiamata Black Week: questa anticipa le promozioni del Black Friday e termina il lunedì seguente (Cyber Monday). Quando cade il Black Friday? – Il Black Friday cade il venerdì dopo il Giorno del Ringraziamento (Thanksgiving) e anticipa il Natale con la sua febbre da acquisti. Quest’anno è il venerdì […]

Videochiamare con Whatsapp

È ufficiale, le videochiamate sono arrivate su WhatsApp È dal dicembre 2015 che rincorriamo i primi indizi sull’implementazione che permette di videochiamate con WhatsApp e finalmente possiamo annunciarne il rilascio ufficiale. Dopo essere state rilasciate nella versione beta dell’app (2.16.318) qualche settimana fa, la nuova e tanto attesa feature è stata testata e sistemata ed è ora pronta per essere utilizzata da milioni di utenti in tutto il mondo. La novità è stata annunciata lunedì 14 novembre con un post sul blog della società: non è stato detto con esattezza da quando la nuova funzione sarà disponibile, nel comunicato c’è scritto genericamente “nei prossimi giorni”. Seppur con qualche differenza grafica, la nuova funzione sarà disponibile sia per Android che per iOS. Videochiamare con […]

La storia di Vans

VANS, Prende il nome da Paul Van Doren, ideatore e fondatore.   Paul Van Doren, figlio di un inventore e di una sarta abbandonò la scuola all’età di 14 anni. Interessato ai cavalli, andava tutti i giorni ai circuiti; lì, cominciò ad essere conosciuto come “Dutch the Clutch”. Sua madre poi insistette sul fatto che Paul dovesse ottenere un lavoro in una fabbrica di scarpe. Nel 1966, Paul Van Doren, suo fratello James e dei lori amici Gordon e Serge D’Elia divennero soci aprendo la prima Vans: La Van Doren Rubber Company. Alle origini molti skaters skateavano scalzi…. La ragione era semplice: lo skateboarding era un’estensione del surf e questa disciplina non necessitava dell’uso di calzature. La prima scarpa ad incontrare i favori […]

Ingegneria sociale, l’hacker dal “volto umano”

Il termine «ingegneria sociale» (in inglese social engineering) definisce l’arte di manipolare delle persone al fine di aggirare dei dispositivi di sicurezza. Si tratta di una tecnica che consiste nell’ottenere delle informazioni da parte degli utenti per telefono, posta elettronica e tradizionale o per contatto diretto. L’illusionismo è un’arte solitamente eseguita come forma di spettacolo di intrattenimento dove l’artista, comunemente detto mago o illusionista (ma sono usati anche prestigiatore ed il francesismo prestidigitatore), crea effetti apparentemente magici usando trucchi che possono essere fisici (solitamente meccanici ma anche chimici, idraulici, ottici), psicologici, oppure, il più delle volte, il trucco sta nell’abilità di mani del prestigiatore. Questa è la definizione che ci da Wikipedia del prestigiatore, una definizione che ben si presta […]

Da San Francesco a Steve Jobs: le profonde radici del Marketing e della Comunicazione aziendale.

Con quest’articolo voglio scherzare un po’ come avrete capito dal titolo, ma non del tutto, c’è comunque un fondo di verità in questa analogia che vi propongo, perché insomma, immaginiamo che io adesso mi metta a parlarvi di una grande multinazionale una grande organizzazione conosciuta in tutto il mondo con sedi in tutti i paesi fondata grazie allo slancio visionario di un giovane fondatore carismatico che è diventato un mito già da vivo e ancora di più dopo la morte. Parliamo di un’organizzazione riconoscibile anche dal punto di vista visivo, per le sue scelte di comunicazione per il look inconfondibile che la caratterizza… Sto parlando della Apple e di Steve Jobs? No! Sto parlando di San Francesco e dell’ordine francescano! […]

Il Video e i suoi formati

È importante conoscere questi aspetti se dovete comprare una nuova televisione: per un aspirante regista e videomaker, ma anche per chi semplicemente lavora in ufficio ed ha a che fare con un monitor, conoscere le tecniche, i supporti e le possibilità del video. Ecco perchè ho avuto l’esigenza di scrivere questo articolo sui vari formati del video in circolazione. Nominiamo spesso i formati video più comuni, ma poi in realtà sappiamo di cosa stiamo parlando? IL FORMATO 4K o ULTRA HD Il 4K (chiamato dalla Blu-ray Disc Association anche Ultra HD), è uno standard per la risoluzione della televisione digitale, del cinema digitale e della computer grafica. Un nuovo orizzonte sta per alzare l’asticella nel mercato dei televisori: è l’Ultra […]

La pizza è un’arte e i talenti vanno valorizzato… E noi?

La questione non è meramente “Albo sì, albo no”, quanto il fatto che in parlamento si pongano il problema di regolamentare persino il settore dei pizzaioli, mentre il nostro settore, quello dei graphic designer e web designer resti ancora selvaggio. Vorrei ricordare a tutti che siamo assolutamente scoperti in termini di tutele e che abbiamo un trattamento previdenziale da fame. Da domani la commissione Industria affronterà il ddl per una patente europea per soli pizzaioli. Sono almeno 150mila i professionisti in Italia. La pizza è un’arte e i talenti vanno valorizzati: da domani la commissione Industria affronterà il ddl che prevede la registrazione dei pizzaioli in un apposito elenco presso la camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di ciascuna […]

Consigli per web designer alle prime armi

Ti sei da poco affacciato nel meraviglioso mondo del Web,  hai da poco iniziato a realizzare siti web utilizzando molto probabilmente WordPress. Ti sei chiesto spesso quali debbano essere le conoscenze che una persona deve avere per andare avanti in questo mestiere… soprattutto come scegliere i clienti a cui fare richieste se vogliono realizzare un sito per farsi conoscere? Caro amico, le risposte ovviamente sono infinite. Giusto perchè proprio da poco ne ho frequentato uno, mi viene in mente di suggerirti di vedere se nella tua zona organizzano wordpress meetup che sono un buon momento per incontrare altre persone che usano o comunque sono interessate a WordPress e con cui condividere esperienze. Certo che come argomento è molto vasto ed i consigli […]

21 Aprile 2015 Google aggiorna il suo algoritmo

Google Mobile Friendly A partire dal 21 aprile 2015 Google ha apportato un importante cambiamento al suo algoritmo, non solo per la lingua inglese, rivolgendosi esclusivamente agli Stati Uniti come di solito di fatto avviene ma lo ha fatto a livello mondiale. Da questa data in poi la maggior parte dei risultati di ricerca che provengono da ricerche effettuate da smartphone Google darà la precedenza ai siti mobile friendly. Quindi o vi adeguate o rischiate di perdere la maggior parte del traffico organico che proviene dal Google search mobile. Con questo nuovo algoritmo a livello SEO i siti web mobile friendly avranno un notevole boost rispetto a quelli che non lo sono. Ora non è che i siti web che […]

Professione blogger, la ragazza da 8 milioni di dollari!

Nella foto potete ammirare la fashion blogger italiana Chiara Ferragni in biblioteca ad Harvard, dov’è stata invitata per spiegare come sia riuscita dal nulla a creare un prodotto che varrebbe 8 milioni di dollari. La ragazza va, si mette in posa e lo scatto finisce sul suo profilo di Instagram e lo show ha inizio, perché per tutti il libro che mostra nella foto, è al contrario, osservando l’etichetta. Ed è qui che partono gli insulti impietosi, “Datele un zappa” e via di altri commenti. Ma il libro, a quanto pare, è dritto, perché così funziona la catalogazione nell’università americana. Dal web non giungeranno scuse. In questo post io sono del tutto imparziale, non seguo la Ferragni ma conosco il […]

Vecchi creativi, nuovi creativi.

Non ci sono più i creativi di una volta! Si è da poco varcata la soglia del 2015, e voglio trattare un argomento che causa spesso discussioni generazionali, ovvero, la creatività cambia? Sono diversi i creativi di oggi dai creativi di 20 30 o 40 anni fa? Secondo me non esiste una nuova o vecchia creatività, sono le menti che cambiano. La creatività non cambia, sono le persone che con lei mutano prospettiva. Gli anziani sono sempre portati a credere che ai loro tempi era tutto meglio. Anche se, mi dispiace dirlo ma, il mio paese non lo ritengo così “creativo” anzi sarebbe ora di svecchiare un po’ e non mi riferisco al nostro campo in particolare. Non ci sono più i creativi di […]

Aaron Draplin, quando a creare un logo ci può voler un quarto d’ora.

Aaron Draplin è un designer di Portland che ha messo le sue mani sui loghi di Patagonia, Nike Skateboarding ma che, soprattutto, è famoso per aver ideato la linea Field Notes, quadernini che sono riusciti a ritagliarsi un’autentica cerchia di aficionados. Dando un’ occhiata veloce ai suoi lavori (confesso che non lo conoscevo) io ci vedo un approccio molto americano, ovviamente, lui lo è… A mio avviso egli è un pò troppo seriale nel lavoro di ‪‎graphic design‬: certamente una buona scuola sull’analisi del ‪‎progetto‬, un discreto mix tra il lavoro di Push Pin Studios (molto gettonato Saul Bass, tra i libri sulla scrivania) e l’approccio svizzero tipografico alla ‪ ‎corporate identity‬. Ma alla fine i lavori, per me, per lo meno, […]

Diventare Web Designer

Dopo tante riflessioni hai deciso d’intraprendere la strada per diventare web designer. Hai fatto varie ricerche sul web su che percorso formativo seguire, ma sono tutte contrastanti una con l’altra! Vorresti avere qualche spunto da dove porte iniziare? In questo articolo ti spiego da dove partire, proprio dall’ABC. Prima cosa, ti dò questo spassionato consiglio: inizia con lo studiare l’inglese perchè molto spesso chi svolge il Lavo ro di Freelance, Grafico o Web Designer parla la lingua Inglese e lavora molto anche con l’estero. Quindi per l’inglese in modo rapido, pensa a come hai appreso la tua lingua attraverso la lettura, la scrittura e la conversazione, e prova a ricordarti qual è stato il metodo più facile per te. Ad […]

La campagna di Tim, bruttina e poco efficace.

Aspettavo il primo dumb che l’avesse usato in una campagnetta (bruttina, inefficace, poco comprensibile – spiegategli che i titoli che hanno bisogno di un sottotitolo per essere capiti non sono buoni titoli). Eccoli. Dumb digitali, come ci sono dumb analogici, sono quelli che vivono talmente nel mondo digitale che perdono il contatto con il valore delle informazioni del mondo reale. Per loro solo quello che gira lì conta. Accade così di conoscere un meme da social network, di averlo visto mille volte, ma di aver completamente perso, o peggio mai saputo, da dove viene e perché sia nato. L’originale manifesto del Governo Inglese è un ricordo di un periodo terribile, è uno dei più concreti segnali di dignità, di stile, […]

Il fenomeno del sei della tua città se…

Tradizioni, geografia, memoria storica e social networking si fondono Sta spopolando da un pò di tempo su facebook il creare pagine fatte di racconti, ricordi, luoghi, nomi e cognomi e persone per raccontare la città. Il Fenomeno in termini social In estrema sintesi: un utente crea un gruppo dedicato a una città e a un paese e invita amici e conoscenti, tutti uniti dalla stessa origine e, a seconda delle generazioni, dallo stesso vissuto. I vari utenti iniziano quindi a scrivere amarcord, a postare foto del passato, a celebrare luoghi che non esistono più, a omaggiare personaggi più o meno noti, fino a spulciare l’immenso e colorito «dizionario» delle espressione dialettali. Alla giostra della memoria condivisa partecipano attivamente anche Perugia e […]

La è con l’apostrofo ed il grafico improvvisato tale.

La E’ e la e’ non esistono, ma esiste una serie di shortcut che ti fa fare la È… che indovina un po’, la è invece non ha manco bisogno di due tasti. Alla fine basta poco su pc con qualche tasto in combinazione/sequenza risolvi il problema: Premete e tenete premuto il tasto “Alt” (sotto la x, vicino alla barra dello spazio), scrivete 0200. Su mac è più a facile ancora: “alt + shift + E” È poi aspetta ne dico una che li rivoluzionerà tutti alt + shift + w et voil À Se proprio non ci riuscite ci sono anche i glifi, oppure si copia incolla da google! Non distinguere una “E” con accento da una con apostrofo… è […]

Che sia un bug quello che ho scoperto in Linked-in?

Mi sono accorto che nel famoso servizio web di rete sociale, impiegato principalmente per lo sviluppo di contatti professionali, Linkedin per l’appunto, a mio modestissimo parere è presente un errore. Più precisamente la mia osservazione è relativa all’app. Fino pochi giorni fa possedevo uno smartphone con versione non aggiornata di Android, credo la 2. qualcosa… Oltre che il mio iPhone. Ho di recente acquistato un nuovo smartphone che monta la 4.1 di Android ed il problema è ancora presente, trattandosi appunto di una web app, quella di linkedin. Ma in cosa consiste la mia “scoperta”: Quando si vuole aggiungere alle proprie cerchie un utente del social network in questione, sulla versione desktop del sito, per chi non lo sapesse è […]

Lo smanettone ed il professionista.

Smanettone VS professionista Leggendo in giro tra forum e social network ho trovato spunto per la seguente riflessione : “la differenza tra smanettone e professionista dove sta?”. Sarebbe fondamentale far capire a chi sta fuori dalla professione di web designer quali siano le differenze. Penso che lo “smanettone” sia colui che lavora tantissimo al computer, non esce mai, sa di tutto ma è uno sfigato asociale. Il “professionista” lavora tantissimo al computer (e probabilmente lo odia anche, per questo), non esce mai per colpa di clienti pressanti ed esigentissimi, sa quel che gli serve per lavorare (e anche qualcosa in più) e preferirebbe non dover stare tanto chiuso in casa dietro una scatola luminosa a far quadrare tutto perfettamente. Parlando seriamente un professionista […]