Predire cosa cercherà l’utente, questa è la chiave del successo SEO Marketing WEB 2019

La chiave strategica SEO per il 2019 è ottimizzare le intenzioni dietro le query di ricerca.

Nel 2019 assisteremo sempre più ai cambiamenti nel modo in cui le persone ricercano grazie alle innovazioni tecnologiche come gli assistenti vocali, ai cambiamenti nel modo in cui gli algoritmi dei motori di ricerca identificano le esigenze del ricercatore, la SEO intelligente ora è radicata nella comprensione e nell’ottimizzazione delle intenzioni dietro le query di ricerca.

Quando i marketer capiscono l’intento di ricerca, possiamo creare nuovi contenuti e / o ottimizzare i contenuti esistenti per adattarli meglio alle specifiche esigenze, problemi e domande del pubblico, aiutando ad ottenere visibilità SERP in un panorama di contenuti sempre più affollato e ad attrarre più traffico qualificato e costruire fiducia in quei visitatori (che si spera si sentano come se stesse rispondendo alle loro reali esigenze).

Strategia dei contenuti
Io questa la chiamo “strategia dei contenuti” che cercano di essere la risposta migliore per il tuo pubblico, ovunque e in qualsiasi momento stiano cercando.

Ma da dove iniziare?

Inizia comprendendo che esistono diversi tipi di intenti. Da lì, ci sono dei passi da fare per creare una strategia SEO e content marketing più basata sui dati e sugli intenti.

Di seguito, ci tuffiamo nelle diverse categorie di intenti di ricerca, oltre a fornire alcuni passi iniziali per mappare strategicamente i tuoi contenuti su ciò che il tuo pubblico sta realmente chiedendo.

I quattro tipi di intenti di ricerca

Sia che tu voglia prenotare un volo per Las Vegas o che tu stia cercando un corso intensivo nella tessitura di cesti subacquei, cerchiamo tutti contenuti che ci aiutino a raggiungere qualcosa. E in generale, ci sono quattro tipi principali di intenti di ricerca: informativo (know), navigazionale (go), transazionale (do) e commerciale (do + know) – tutti dei quali si manifestano in fasi diverse durante il percorso del cliente o dell’acquirente.

Stage Top:

N. 1 – Ricerca informativa

Questo tipo di ricerca è incentrato sull’apprendimento; i ricercatori stanno cercando conoscenze. I ricercatori qui vogliono saperne di più su un argomento, stanno facendo domande e cercano risposte. In generale, questo è il tipo più popolare di intenti di ricerca, ma le query possono andare da semplici domande o frasi (query più ampie con un sacco di volumi di ricerca) a query più complesse (query long-tail con risposte più complicate e volume di ricerca inferiore).

In genere, le query informative si verificano all’inizio della canalizzazione. I ricercatori hanno un problema e stanno cercando una soluzione. Prenderanno un po ‘di nutrimento prima di essere pronti a convertirsi e saranno più interessati a rispondere rapidamente alle loro domande che a limitarsi a fare acquisti.

# 2 -Ricerca di Navigazione

L’intento di navigazione riguarda la posizione. L’utente sa ciò di cui ha bisogno e desidera, semplicemente non sa come trovarlo. Qui, gli utenti utilizzano spesso parole chiave di marca insieme a prodotti e servizi specifici per trovare la pagina web esatta di cui hanno bisogno. Ad esempio, una ricerca di navigazione potrebbe essere “Maglioni Cucinelli ” o “Portatile Apple  “. Di conseguenza, la SERP contiene in genere prodotti e pagine di servizio, nonché la copertura delle notizie relative al marchio.

Stage: medio

# 3 – Ricerca Commerciale

Gli utenti con intenti commerciali sono pronti a effettuare un acquisto, ma prima desiderano informazioni aggiuntive, da cui la designazione “come fare”. Hanno ulteriori domande a cui desiderano rispondere per aiutarli a informare le loro decisioni di acquisto. Ad esempio, potrebbero provare a decidere tra due prodotti e servizi diversi. Sanno di aver bisogno dell’uno o dell’altro, ma hanno solo bisogno di una risorsa o guida aggiuntiva per aiutarli a decidere.

Stage: medio + inferiore

# 4 – Transazionale

Come suggerisce il nome, l’intento transazionale riguarda l’acquisto. I ricercatori sono pronti per la conversione e devono solo trovare la pagina o il luogo corretto da convertire. Le parole chiave qui sono molto specifiche in quanto si trovano nella parte inferiore della canalizzazione e spesso includono termini transazionali come “comprare”, “vendere” o “quanto costa?”.

Ora vediamo i 3 passaggi per sviluppare l’intenzione di ricerca nella tua strategia SEO & Content

Ora che sei in grado di guardare al tuo SEO e alla tua strategia sui contenuti sotto la lente dell’intento di ricerca, i tre passaggi sottostanti sono un ottimo punto di partenza per sfruttare tale conoscenza per prendere decisioni strategiche.

Step 1: dove e quali key ottimizzare

Non sorprendentemente, è necessario capire dove si trova il contenuto prima di poter prendere decisioni informate su dove e cosa ottimizzare. Dai un’occhiata alla mappa delle parole chiave corrente e alle domande per le quali ti stai posizionando e in quale posizione nella SERP che stai classificando.

Utilizza Google Search Console, Strumenti per i Webmaster di Bing o la stessa offerta da un altro motore di ricerca per questa attività. Dai un’occhiata al contenuto del tuo ranking per determinare quali caratteristiche contribuiscono alla tua posizione di ricerca. (ad esempio, come sono strutturati i tuoi contenuti? stai fornendo una risposta specifica alla domanda? La tua parola chiave di destinazione corrisponde alle query per cui la tua classifica?) Usando i dati, dovresti essere in grado di tracciare alcune intuizioni solide sul tipo di intento esistente il contenuto è al servizio, così come dove potresti avere alcune opportunità per colmare le lacune.

Per guadagnare qualche prospettiva in più, prendi in considerazione la possibilità di eseguire una ricognizione interna per ottenere maggiori informazioni qualitative sui tuoi clienti o l’acquisto di segmenti di pubblico. Chiedete al vostro team di vendita cosa stanno ascoltando dai clienti o esaminate i moduli di contatto che state ricevendo per vedere cosa cercano i veri clienti / acquirenti o, meglio ancora, chiedete ai clienti attuali come hanno trovato e quale problema avete aiutato a risolvere. Infine, collabora con i tuoi analisti per scoprire quali sono le query che si verificano sugli utenti interni del sito. Tutto ciò può aggiungere una prospettiva aggiuntiva durante l’analisi dei dati reali.

L’obiettivo finale qui è quello di comprendere il tuo stato attuale, oltre a offrire ulteriori opportunità in cui puoi creare contenuti con le migliori risposte da abbinare all’intento di ricerca del pubblico. Documenta le tue scoperte e passa al tuffo più profondo nei risultati della ricerca nel passaggio successivo.

 

Passaggio 2: studiare la concorrenza

È probabile che il tuo contenuto non stia dominando i risultati di ricerca su tutta la linea; hai una competizione. Pertanto, è necessario dedicare del tempo ad analizzare il contenuto in cima alle pagine dei risultati di ricerca per le parole chiave e gli argomenti prioritari. Ciò ti aiuterà a comprendere meglio come i motori di ricerca hanno determinato l’intento e perché hanno identificato la tua competizione (indiretta o diretta) come la migliore corrispondenza.

Alcune cose da considerare mentre rivedi i risultati sono:

Le mie ipotesi iniziali sull’intento di ricerca suonano vere? (ad esempio, il mio contenuto si adatta allo stampo qui?)
Quali tipi di risultati ci sono sulla SERP? (Ad esempio, stai confrontandoti con altri marchi simili o stai gareggiando con siti di terze parti come Wikipedia? O è visualizzata una varietà di tipi di contenuti apparentemente diversi?)
Quanto sono dettagliate le pagine migliori? (ad esempio, qual è la lunghezza del contenuto)
Come sono strutturati i contenuti su quelle pagine principali? (ad esempio, ci sono paragrafi brevi che possono essere scambiati? C’è un forte uso di tag di intestazione in tutto? Quali CTA o collegamenti incrociati sono presenti?)
Ho l’opportunità di fare meglio? (Come posso ottimizzare i miei contenuti per scavalcare altri risultati o quali altre lacune posso riempire?)
Queste sono domande importanti da porre in quanto possono aiutarti a capire come ti stai misurando. Ad esempio, se una delle tue parole chiave di destinazione ha un intento informativo e i tuoi risultati di ricerca migliori sono costituiti da numerosi e approfonditi post del blog, saprai che devi creare una risorsa ancora più ricca e ricca di contenuti multimediali sfidare la concorrenza per una posizione migliore. (La competizione sul SERP è già forte e si combina bene con l’intento di ricerca, il che significa che avremo una salita più dura.)

 

Passaggio 3: Ottimizza. Creare. Ripeti.

Hai fatto il punto sul tuo posizionamento, capisci cosa stai facendo per aumentare la tua visibilità e hai raccolto più informazioni definitive sull’intento di ricerca. Ora è il momento di mettere in pratica le intuizioni.

Attraverso la tua analisi, hai sperabilmente trovato opportunità per migliorare il contenuto esistente facendo aggiornamenti per allinearsi con l’intento dietro una specifica query di parole chiave di destinazione o cluster topico, così come aggiungendo crosslink rilevanti.

Inoltre, è possibile documentare, organizzare e assegnare priorità a opportunità aggiuntive come parte della strategia per i contenuti in modo da poter eseguire e tenere traccia delle prestazioni. In effetti, si può considerare di aggiungere il tipo di intento di ricerca, lo stato della SERP e quanto bene si abbina all’intento come categorie alle mappe di parole chiave, ai glossari e ad altri importanti documenti SEO. Questi documenti dovrebbero essere aggiornati man mano che si apportano miglioramenti ai contenuti, semplificando il monitoraggio delle modifiche, la misurazione delle prestazioni e l’ulteriore ottimizzazione in base ai risultati visualizzati.

Quando lavori per capire l’intento che sta dietro alle query del pubblico, hai l’opportunità non solo di ottimizzare le esigenze del tuo pubblico, ma anche di mostrare loro che li capisci e li comprendi in quello che stanno cercando, così l’utente sceglierà te, premiando il tuo lavoro e le tue competenze.

 

ESPERTO IN: realizzazione siti internet | grafico pubblicitario | indicizzazione e posizionamento siti  

Fornisco servizi di consulenza a grandi e piccole imprese, pubbliche amministrazioni e privati coinvolgendo i più innovativi media realizzo siti internet, eCommerce e grafica pubblicitaria.
La mia esperienza decennale in studi grafici italiani ed esteri mi permette di Impartire lezioni in: grafica, web, fotografia digitale, video editing e marketing.  
CONTATTAMI QUI – Tel. 348.76.23.486