Brunello Cucinelli – Storia del Brand

Brunello Cucinelli è una casa di moda italiana fondata dall’omonimo imprenditore, nota per la produzione di maglieria pregiata in cashmere, nata e sviluppatasi nel borgo medioevale di Solomeo. L’azienda è oggi tra le principali realtà internazionali attive nel settore del lusso, avendo sviluppato collezioni femminili e maschili di total look, e potendo contare su una rete di boutique di proprietà in tutti i continenti.

Brunello Cucinelli, re del cashmere, è insieme top designer e impresa umanistica, nella quale etica, dignità e morale si fondono nelle logiche aziendali e nelle tecniche produttive. Il brand nasce nel 1978, a Solomeo, suggestivo borgo umbro, alla cui storia e umanesimo si ispira per la tradizionale tessitura dei capi e per la vision aziendale. Nei laboratori Cucinelli giunge il miglior cashmere, selezionato ogni anno in Mongolia, poi filato e tessuto per la realizzazione di capi, con arte tessitoria tramandata da generazioni. Le collezioni sono ricercate, definite da tagli sartoriali e forme moderne, preziosi oggetti di lusso.

1978: nasce l’impresa. Inizia la produzione di maglieria da donna in cashmere colorato.
1985: acquisizione del castello trecentesco di Solomeo, piccolo borgo alle porte di Perugia dove, nel 1987 (dopo due anni di restauri) viene trasferita la sede dell’impresa.
1994: prima collezione uomo a marchio Brunello Cucinelli e primo negozio monomarca a Porto Cervo.
2002: prima collezione total look uomo/donna. Contestualmente al consolidamento della distribuzione attraverso il canale dei multibrand, l’azienda inizia una strategia di sviluppo tramite l’apertura di negozi monomarca posizionati nelle principali capitali mondiali e nelle più esclusive località resort.
2009: le scarpe entrano a far parte delle collezioni Brunello Cucinelli.
2012: quotazione presso la Borsa Italiana. Il road show istituzionale, programmato in due settimane, si interrompe dopo soli 6 giorni per eccesso di richiesta. Grazie al grande interesse degli investitori, la domanda supera 18 volte l’offerta. Il 27 aprile 2012, nel primo giorno di quotazione, le contrattazioni fanno salire il prezzo del titolo del 49,7%.

2017: Brunello Cucinelli è stato protagonista a San Francisco in occasione di Dreamforce2017, la quattro giorni dedicata ai temi di crescita, innovazione, apprendimento e uguaglianza. Durante l’evento, concluso ieri, l’imprenditore e Marc Benioff, fondatore e ceo dell’azienda tecnologica Salesforce, hanno dialogato sui temi di Tecnologia garbata e Umanesimo digitale in presenza di oltre 170 mila pionieri del settore provenienti da più di 91 Paesi.

Dal Sole 24 Ore

Se si viene scelti da Brunello Cucinelli si entra a lavorare in un’azienda che conta 1020 dipendenti e 3000 collaboratori, in una struttura al cui interno ci sono due piccoli ristoranti (non mense aziendali), un parco dove trascorrere la pausa pranzo passeggiando e un capo che, tenendo comunque sotto controllo con un occhio i fatturati, con l’altro studia Marco Aurelio e cerca, per quanto umano, di migliorare quella fetta di mondo su cui può incidere.

Il signor Brunello, come lo chiamano tutti dentro e fuori l’azienda, non sembra essere preso dalla frenesia di questa travolgente crescita. A 58 anni appare un uomo soddisfatto e sereno, memore delle lezioni etiche del padre operaio, legato all’esperienza della madre che lavorava in casa per Luisa Spagnoli, attento ai segnali che gli arrivano dalle figlie ventenni.
La stampa internazionale lo ha nominato principe di Solomeo, imperatore del cachemire, umanista imprenditore. E lo ha da tempo consacrato come uno dei brand globali del lusso. Ma lui trascorre quanto più tempo può nella sua torre-ufficio, uno spazio ampio e luminoso alle cui pareti sono appesi i ritratti dei suoi numi ispiratori, da San Benedetto da Norcia a Gandhi, da Aristotele a Kafka. Qui lo abbiamo incontrato per capire come si può consolidare un successo in anni difficili, all’insegna di una filosofia imprenditoriale che sembrerebbe impossibile mentre l’economia gira al contrario.
Per Cucinelli il luogo conta, eccome. “Se questa azienda fosse stata in una zona industriale, non sarebbe stata la stessa cosa.Vede quei capannoni, con la sovrintendenza abbiamo avviato un progetto per piantare tanti alberi quanti ne servono per ricoprirli. Si può e si deve fare sempre qualcosa per migliorare il nostro paesaggio. Aiuta a vivere e lavorare meglio. Aiuta la creatività”.

Dal Quotidiano Libero:

Brunello Cucinelli

È Presidente e Amministratore delegato della Brunello Cucinelli SpA, maison di moda italiana operante nel settore dei beni di lusso assoluto, specializzata nel cashmere e divenuta nel tempo uno dei brand più esclusivi nel settore del pret-à-porter “informal luxury” a livello mondiale. Il sogno della sua vita è stato sempre quello di rendere il lavoro dell’uomo più umano, immaginando di dare allo stesso tempo dignità morale ed economica, cercando di unire sempre: profitto, dono e custodia, realizzando così una forma di “capitalismo umanistico contemporaneo”.

Fra molti riconoscimenti a livello mondiale, il Cavalierato del Lavoro, ricevuto dal Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano, la Laurea Honoris Causa in Filosofia ed Etica dei rapporti umani, ricevuta dall’Università degli Studi di Perugia ed il Global Economy Prize, ricevuto dal prestigioso Kiel Institute for the World Economy con il nobile attestato di aver saputo “impersonare perfettamente la figura del Mercante Onorevole”.

VISITA IL SITO DI BRUNELLO CUCINELLI

ESPERTO IN: realizzazione siti internet | grafico pubblicitario | indicizzazione e posizionamento siti  

Fornisco servizi di consulenza a grandi e piccole imprese, pubbliche amministrazioni e privati coinvolgendo i più innovativi media realizzo siti internet, eCommerce e grafica pubblicitaria.
La mia esperienza decennale in studi grafici italiani ed esteri mi permette di Impartire lezioni in: grafica, web, fotografia digitale, video editing e marketing.  
CONTATTAMI QUI – Tel. 348.76.23.486