Adidas, Brand Story

Adidas AG (pronuncia tedesca: [adiˌdas]) (stilizzata come ɑdidɑs dal 1949) è una multinazionale, fondata e con sede a Herzogenaurach, in Germania, che progetta e produce scarpe, abbigliamento e accessori. È il più grande produttore di abbigliamento sportivo in Europa e il secondo più grande al mondo, dopo Nike. È la holding del gruppo Adidas, che comprende la società di abbigliamento sportivo Reebok, la società di golf TaylorMade (compresa Ashworth), Runtastic, una società austriaca di tecnologia per il fitness e l’8,33% del Bayern Monaco, la squadra di calcio. Le entrate di Adidas per il 2016 sono state quotate a € 19,29 miliardi.

La compagnia fu fondata da Adolf Dassler a casa di sua madre; fu raggiunto da suo fratello maggiore Rudolf nel 1924 sotto il nome di Dassler Brothers Shoe Factory. Dassler ha contribuito allo sviluppo di scarpe da corsa a spillo (punte) per molteplici eventi sportivi. Per migliorare la qualità delle calzature sportive a spillo, è passato da un precedente modello di punte in metallo pesante a utilizzare tela e gomma. Dassler persuase il velocista statunitense Jesse Owens a usare i suoi spuntoni fatti a mano alle Olimpiadi estive del 1936. Nel 1949, a seguito di una rottura nel rapporto tra i fratelli, Dassler creò Adidas e Rudolf fondò Puma, che divenne il rivale commerciale di Adidas.

Il logo Adidas è a tre strisce, utilizzato come supporto per il marketing nell’abbigliamento e nelle scarpe della società. Adidas ha acquistato il marchio nel 1952 dalla società sportiva finlandese Karhu Sports; il marchio ha avuto un tale successo che Dassler ha descritto Adidas come “The three stripes company”. Il marchio è è stilizzato con una lettera minuscola “a”.

Storia di Adidas

All’inizio

Adi dassler fondatore

Adi dassler fondatore

Adidas è stata fondata da Adolf Dassler che ha realizzato scarpe sportive nel retrocucina di sua madre o nella lavanderia di Herzogenaurach, in Germania, dopo il suo ritorno dalla Prima Guerra Mondiale. Nel luglio 1924, il fratello maggiore Rudolf entrò nell’azienda, che divenne Dassler Brothers Shoe Factory (Gebrüder Dassler Schuhfabrik). La fornitura di energia elettrica a Herzogenaurach era inaffidabile, quindi i fratelli a volte dovevano usare l’energia del pedale da una bicicletta stazionaria per far funzionare le loro attrezzature.

Dassler ha contribuito allo sviluppo di scarpe da corsa a spillo (punte) per molteplici eventi sportivi. Per migliorare la qualità delle calzature sportive a spillo, è passato da un modello precedente di punte di metallo pesante a utilizzare tela e gomma. [13] Nel 1936, Dassler persuase il velocista statunitense Jesse Owens a usare i suoi spuntoni fatti a mano alle Olimpiadi estive del 1936. Seguendo le quattro medaglie d’oro di Owens, il nome e la reputazione delle scarpe Dassler divennero noti agli sportivi del mondo e ai loro allenatori. Gli affari andarono a buon fine e i Dassler vendevano 200.000 paia di scarpe ogni anno prima della seconda guerra mondiale.

La fabbrica di Dolbury, utilizzata per la produzione di armi anticarro durante la seconda guerra mondiale, fu quasi distrutta nel 1945 dalle forze statunitensi, ma fu risparmiata quando la moglie di Dassler, convinse le IG che l’azienda ei suoi dipendenti erano interessati solo alla produzione di scarpe sportive . Le forze di occupazione americane divennero successivamente importanti acquirenti delle scarpe dei fratelli Dassler.

La rivalità con Puma
I fratelli si separarono nel 1947 dopo che i rapporti tra di loro si erano abbattuti,  con Rudolf che costituiva una nuova società che chiamò Ruda – da Rudolf Dassler, in seguito ribattezzato Puma, e Dassler formando una società formalmente registrata come Adidas AG di Adi Dassler in 18 agosto 1949. Sebbene sia un popolare mito urbano che il nome sia l’acronimo di All Day I Dream About Sports, quella frase è un “backronym”; il nome è un portmanteau formato da “Adi” (un soprannome per Adolf) e “Das” (da “Dassler”).

Puma SE e Adidas hanno iniziato una feroce e aspra rivalità commerciale dopo la scissione. In effetti, la città di Herzogenaurach era divisa sulla questione, portando al soprannome di “città dei colli piegati”: le persone guardavano in basso per vedere quali scarpe indossavano gli estranei . Anche le due squadre di calcio della città sono state divise: il club ASV Herzogenaurach è stato supportato dall’Adidas, mentre l’1 Herzogenaurach ha appoggiato le calzature di Rudolf.  Quando gli handymen venivano chiamati a casa di Rudolf, indossavano deliberatamente scarpe Adidas. Rudolf avrebbe detto loro di andare nel seminterrato e scegliere un paio di Pumas gratuiti. I due fratelli non furono mai riconciliati e sebbene entrambi siano ora sepolti nello stesso cimitero, sono distanziati il ​​più lontano possibile .

Nel 1948, la prima partita di calcio dopo la seconda guerra mondiale, diversi membri della squadra nazionale di calcio della Germania Ovest indossarono stivali Puma, tra cui il capocannoniere del primo obiettivo della Germania dell’ovest, Herbert Burdenski. Quattro anni dopo, alle Olimpiadi estive del 1952, il corridore di 1500 metri Josy Barthel del Lussemburgo vinse il primo oro olimpico di Puma a Helsinki, in Finlandia. [Citazione necessaria]

Il logo Adidas trifoglio originale fino al 1998, ora è utilizzato su Adidas Originals.

Alle Olimpiadi estive del 1960, Puma ha pagato il velocista tedesco Armin Hary per indossare Pumas nella finale di 100 metri sprint. Hary aveva già indossato l’Adidas e aveva chiesto il pagamento ad Adolf, ma Adidas ha respinto questa richiesta. Il tedesco ha vinto l’oro a Pumas, ma poi ha allacciato l’Adidas per la cerimonia delle medaglie, per lo shock dei due fratelli Dassler. Hary sperava di incassare da entrambi, ma Adi era così infuriato che bandì il campione olimpico .

Logo a 3 strisce
Nel 1952, in seguito alle Olimpiadi estive del 1952, Adidas acquistò il suo logo a 3 strisce dal marchio di calzature sportive Karhu Sports per due bottiglie di whisky e l’equivalente di 1600 euro.

Affare di Tapie

Questa sezione necessita di ulteriori citazioni per la verifica. Aiutateci a migliorare questo articolo aggiungendo citazioni a fonti affidabili. Il materiale non utilizzato può essere contestato e rimosso. (Ottobre 2010) (Scopri come e quando rimuovere questo messaggio modello)
Dopo un periodo di guai dopo la morte del figlio di Adolf Dassler Horst Dassler nel 1987, la compagnia fu acquistata nel 1989 dall’industriale francese Bernard Tapie, per 1,6 miliardi di euro (ora 243,9 milioni di euro), che Tapie prese in prestito.  Tapie era al tempo un famoso specialista del salvataggio di aziende in bancarotta, una competenza su cui ha costruito la sua fortuna.

Tapie ha deciso di spostare la produzione in mare aperto in Asia. Ha anche assunto Madonna per la promozione  [citazione necessaria] Ha inviato, da Christchurch, in Nuova Zelanda, un rappresentante di vendita di scarpe in Germania e ha incontrato i discendenti di Adolf Dassler (Amelia Randall Dassler e Bella Beck Dassler) ed è stata rimandata con alcuni articoli per promuovere l’azienda lì.

Nel 1992, impossibilitata a pagare gli interessi sui prestiti, Tapie ha incaricato la banca Crédit Lyonnais di vendere Adidas e la banca ha successivamente convertito il debito residuo in capitale proprio dell’impresa, il che era insolito secondo la prassi bancaria francese prevalente.

Era post-Tapie

Una scarpa Adidas, con le tre barre parallele distintive dell’azienda
Nel 1994, in combinazione con il FIFA Youth Group, SOS Children’s Villages è diventato il principale beneficiario.

Nel 1997, Adidas AG ha acquisito il gruppo Salomon specializzato in abbigliamento da sci e il suo nome ufficiale è stato cambiato in Adidas-Salomon AG. Con questa acquisizione, Adidas ha acquisito anche la società Taylormade Golf e Maxfli, che ha permesso loro di competere con la Nike Golf.

Nel 1998, l’Adidas citò in giudizio la NCAA sulle loro regole, limitando le dimensioni e il numero di loghi commerciali sulle divise della squadra e sull’abbigliamento della squadra. Adidas ritirò la tuta, ei due gruppi stabilirono delle linee guida su quali disegni a tre strisce sarebbero stati considerati come usi del marchio commerciale Adidas.

In qualità di CEO di Adidas, Louis-Dreyfus ha quadruplicato le entrate a 5,84 miliardi di euro (7,5 miliardi di dollari) dal 1993 al 2000. [23] Nel 2000, ha annunciato che avrebbe rassegnato le dimissioni l’anno successivo, a causa di una malattia.

Nel 2003, l’Adidas ha intentato una causa in un tribunale britannico sfidando l’uso di Fitness World Trading di un motivo a due strisce simile alle tre strisce di Adidas. La corte ha stabilito che, nonostante la semplicità del marchio, l’uso di Fitness World era in violazione perché il pubblico poteva stabilire un legame tra tale uso e il marchio Adidas.

Nel settembre 2004, la migliore stilista inglese Stella McCartney ha lanciato una joint-venture con Adidas, stabilendo una partnership a lungo termine con la società. Questa linea è una collezione sportiva per donne chiamata “Adidas by Stella McCartney”, ed è stata acclamata dalla critica.

Inoltre, il 3 maggio 2005, Adidas ha dichiarato al pubblico di aver venduto la loro società partner Salomon Group per 485 milioni di euro ad Amer Sports of Finland. Nell’agosto 2005, Adidas ha dichiarato l’intenzione di acquistare Reebok per $ 3,8 miliardi (US $). Questa acquisizione è stata completata con la collaborazione nel gennaio 2006 e significava che la società avrebbe avuto vendite commerciali più vicine a quelle di Nike nel Nord America. L’acquisizione di Reebok consentirebbe inoltre ad Adidas di competere con Nike in tutto il mondo come il numero due calzolaio atletico al mondo.

Adidas ha una sede centrale globale in Germania e molte altre sedi commerciali in tutto il mondo come Portland OR, Hong Kong, Toronto, Taiwan, Inghilterra, Giappone, Australia e Spagna.

Adidas è da lungo tempo un produttore famoso di scarpe da calcio di erba sintetica – qui è stata mostrata una coppia recente che è stata una scelta popolare
Nel 2005, Adidas ha introdotto Adidas 1, la prima scarpa di produzione in assoluto ad utilizzare un microprocessore. Soprannominato dalla società “La prima scarpa intelligente al mondo”, è dotato di un microprocessore in grado di eseguire 5 milioni di calcoli al secondo che regola automaticamente il livello di ammortizzazione della scarpa in base al proprio ambiente. La scarpa richiede una piccola batteria sostituibile dall’utente che dura circa 100 ore di funzionamento. Il 25 novembre 2005, Adidas ha rilasciato una nuova versione di Adidas 1 con una maggiore gamma di ammortizzazione, consentendo alla scarpa di diventare più morbida o più solida e un nuovo motore con il 153% di coppia in più.

L’11 aprile 2006, Adidas ha annunciato un accordo di 11 anni per diventare il fornitore ufficiale di abbigliamento NBA. La società ha realizzato maglie e prodotti NBA, NBDL e WNBA e versioni coloratissime della scarpa da basket “Superstar”. Questo accordo (del valore di oltre $ 400 milioni) ha rilevato il precedente accordo Reebok che era stato messo in atto nel 2001 per 10 anni.

Nel novembre 2011, Adidas ha annunciato che avrebbe acquisito il marchio di prestazioni sportive per azioni all’aperto Five Ten attraverso un accordo di acquisto di azioni. Il prezzo totale di acquisto è stato di $ 25 milioni USD in contanti alla chiusura.

Entro la fine del 2012, Adidas riportava le sue entrate più alte di sempre e l’amministratore delegato Herbert Hainer ha espresso ottimismo per l’anno a venire.

Nel gennaio 2015, Adidas ha lanciato la prima app mobile per le prenotazioni del settore calzature. L’app Adidas Confirmed consente ai consumatori di accedere e prenotare le sneakers in edizione limitata del marchio utilizzando la tecnologia di targeting geografico.

Il 24 marzo 2015, Adidas e McDonald’s hanno svelato le uniformi americane McDonald’s del 2015. Per il terzo anno consecutivo, i giocatori indosseranno maglie a maniche corte, realizzati con lo stesso materiale leggero e traspirante di quelli usati nell’NBA .

Nell’agosto 2015, Adidas ha acquisito la società di tecnologia fitness Runtastic per circa $ 240 milioni [33].

Prodotti

Abbigliamento
Adidas vende una vasta gamma di articoli di abbigliamento, che variano da t-shirt uomo, donna, giacche, felpe con cappuccio, pantaloni e leggings [34].

Il primo capo di abbigliamento Adidas era la tuta di Franz Beckenbauer creata nel 1967. [1] Adidas AG è il più grande produttore di reggiseni sportivi in ​​Europa e il secondo produttore al mondo.

abbigliamento sportivo
Associazione calcistica

Maglia autografata della squadra nazionale di calcio spagnola prodotta da Adidas per la Coppa del Mondo FIFA 2014
Uno degli obiettivi principali di Adidas è sempre stato il calcio kit e l’attrezzatura associata. Adidas rimane un’importante azienda nel rifornimento globale di kit di squadra per squadre e club di federazione internazionale.

Adidas produce kit di arbitraggio che vengono utilizzati nella competizione internazionale e da molti paesi e leghe nel mondo. L’azienda è stata innovatrice nel settore delle calzature per lo sport, con esempi degni di nota tra cui la versione del 1979 dello stivale stampato Copa Mundial utilizzato per le partite su campi asciutti. Detiene il riconoscimento dello stivale più venduto di tutti i tempi. L’equivalente soft-ground è stato nominato World Cup e anch’esso rimane sul mercato.

La FIFA, l’organismo governativo mondiale di calcio, ha commissionato palloni appositamente progettati per essere utilizzati nei suoi tornei di Coppa del Mondo. Le palle fornite per la Coppa del Mondo del 2006, il “Teamgeist”, sono state particolarmente degna di nota per la loro capacità di viaggiare oltre i precedenti tipi quando colpite, portando a obiettivi a più lungo raggio. I portieri erano generalmente ritenuti meno a proprio agio con il design della palla, sostenendo che era incline a muoversi in modo significativo e imprevedibilmente in volo.

Adidas Beau Jeu, che si traduce in Beautiful Game in inglese, era un pallone da calcio ufficiale di UEFA Euro 2016
Adidas ha introdotto un altro nuovo pallone per i Mondiali del 2010. Il pallone Jabulani è stato progettato e sviluppato dalla Loughborough University in collaborazione con il Bayern Monaco. L’Adidas Brazuca era il pallone da calcio della Coppa del Mondo 2014. Adidas ha nominato un pallone ufficiale del torneo UEFA Euro 2016 Adidas Beau Jeu che si traduce in “The Beautiful Game” in inglese.

L’Adidas è uno degli sponsor ufficiali della UEFA Champions League e l’Adidas Finale è il pallone ufficiale della competizione.  Oltre allo scarpone Adidas Predator di cui sopra, Adidas produce la gamma di scarpe da calcio adiPure. Adidas fornisce abbigliamento e attrezzature per tutte le squadre in Major League Soccer.

Nell’aprile 2013, Adidas e Opta Sports hanno annunciato l’introduzione di un nuovo tipo di giocatore di football: il motore.  The Engine ‘è l’archetipo di un giocatore di calcio che copre ogni filo d’erba, cerca le possibilità di segnare goal, rintraccia il suo avversario e mostra un’energia implacabile dal primo minuto al fischio finale.

Baseball
Adidas ha anche fornito attrezzature da baseball e sponsorizza numerosi giocatori della Major League Baseball e della Nippon Professional Baseball in Giappone.

I prodotti della Adidas Baseball sono concessi in licenza a Dick’s Sporting Goods.

Dal 1997 al 2008, Adidas ha sponsorizzato i New York Yankees.

Pallacanestro
Le scarpe Adidas Superstar e Pro Model, note affettuosamente come “shelltoes” per la loro punta stilizzata in gomma dura, sono state alimentate, tra gli altri, da allenatori come John Wooden della UCLA. L’Adidas si è anche avvicinata a Converse nel basket a metà degli anni ’70, prima che entrambi iniziassero a cadere dietro la Nike allora in ascesa nei primi anni ’80. Successivamente, Adidas Superstar divenne molto popolare nella scena degli streetwear dell’hip hop degli anni ’80 accanto ai completi in poliestere a righe di Adidas. [Citazione necessaria]

Adidas è anche il fornitore attuale di tutte e 30 le concessioni della National Basketball Association (che sostituisce il marchio Reebok dopo la fusione, tuttavia Adidas sarà sostituita da Nike come fornitore ufficiale del campionato dopo la stagione 2016-17).

Giocatore di cricket indiano Sachin Tendulkar, battendo con il suo Personalized Adidas Cricket Bat
Adidas ha iniziato a produrre calzature da cricket a metà degli anni ’70, con il loro mercato di riferimento iniziale in Australia. Le loro scarpe erano una svolta radicale rispetto ai tradizionali stivali da cricket in pelle che erano rimasti sostanzialmente immutati per decenni, essendo più leggeri e flessibili ma offrendo anche meno protezione contro le dita dei piedi, così che non era raro vedere batsmen colpiti dalla palla sul piede saltellando nel dolore. Dopo aver continuato a produrre calzature da cricket per molti anni, nel 2006 l’azienda è finalmente entrata nel campo della produzione di pipistrelli nel 2008 e attualmente la loro gamma di mazze include i modelli Pellara, Incurza, Libro e M-Blaster.

Negli anni ’90, Adidas ha firmato il superstar batsman indiano Sachin Tendulkar e fatto scarpe per lui [46]. Dal 2008 fino alla sua pensione, Adidas aveva sponsorizzato la mazza da cricket usata da Tendulkar. Ha creato un nuovo pipistrello, ‘Adidas MasterBlaster Elite’, personalizzato per lui.

Nel 2008, Adidas ha fatto una mossa concertata nel mercato inglese del cricket sponsorizzando la stella inglese di battuta Kevin Pietersen dopo l’annullamento del suo accordo a vita con Woodworm, quando si sono imbattuti in difficoltà finanziarie. [47] L’anno successivo hanno iscritto il giocatore dell’Inghilterra Ian Bell, il battitore in apertura del Pakistan Salman Butt e l’indiano Ravindra Jadeja.

Nell’Indian Premier League (IPL), Adidas ha sponsorizzato il team Mumbai Indians dal 2008 al 2014 e Delhi Daredevils dal 2008 al 2013. [48] Erano gli sponsor ufficiali di Pune Warriors India nel 2011 e nel 2012, tuttavia il team è stato bandito dall’IPL a causa di problemi di pagamento. Nella stagione 2015, Adidas ha sponsorizzato i Royal Challengers di Bangalore.

Golf
“Adidas Golf” produce abbigliamento da golf, calzature e accessori. Equipaggiamento maschile e femminile: calzature, camicie, pantaloncini, pantaloni, tuta sportiva (tute antivento), strato di base e occhiali.

Ginnastica
Dal 2000 al 2012, Adidas ha fornito abbigliamento da ginnastica per uomo e donna per il Team USA, attraverso USA Gymnastics. La ginnastica USA e la sponsorizzazione di Adidas si sono concluse alla fine del 2012. Nel 2006, negli Stati Uniti si sono esibiti body da ginnastica Adidas per donna e camicie da competizione, pantaloni da ginnastica e pantaloncini da ginnastica Adidas, con body stagionali offerti per primavera, estate, autunno e festività. . Adidas aveva già collaborato con GK Elite, dalla primavera del 2013, i prodotti per ginnastica Adidas sono stati disponibili in tutto il mondo attraverso Elegant Sports. I membri delle squadre olimpiche USA McKayla Maroney, Jordyn Wieber, Jake Dalton e Danell Leyva sono tutti sponsorizzati dalla ginnastica Adidas.

Lacrosse
Nel 2007, Adidas ha annunciato il suo ingresso nell’apparecchiatura lacrosse, sponsorizzando anche l’Adidas National Lacrosse Classic nel luglio 2008 per i migliori 600 giocatori delle scuole secondarie degli underclassmen negli Stati Uniti.  La società si è fatta parte del proprio marchio come “Adidas Lacrosse”, ottenendo diverse borse di studio, Bucknell (uomini e donne), Bryant (uomini), Delaware (uomini e donne), New Jersey Institute of Technology (uomini) e D3 powerhouse Lynchburg (uomini e donne nell’autunno del 2016 solo con soft good). “Materiali che adidas fornivano maglie, pantaloncini, scarpe, aste, teste, guanti e pezzi protettivi .

I prodotti fabbricati per questo sport sono bastoncini, guanti, equipaggiamento protettivo e stivali.

In esecuzione
Adidas attualmente produce diverse scarpe da corsa e lifestyle, tra cui l’Energy-boost e le scarpe da ginnastica a molla. [Ha bisogno di aggiornamenti] I Il marchio ha costruito una forte rete di corridori nelle grandi capitali europee, come la “Boost Energy League” di Parigi . Nel 2016 è stata lanciata la terza stagione. A Parigi, la Boost Energy League riunisce 11 squadre che rappresentano diversi quartieri di Parigi.

Adidas ha lanciato due nuovi modi di colorazione di NMD R1 e una nuova modalità di colore dell’NMD XR1 a settembre 2016. adidas EQT è uno stile di scarpe da ginnastica di adidas. È nato nei primi anni ’90 e rilanciato nel 2017. L’ultima linea adidas EQT è stata rilasciata in un pacchetto “Turo Red” il 26 gennaio 2017 e ha incluso modelli come adidas EQT Support 93/17, EQT Support ADV e EQT Support Ultra. adidas.com è uno dei pochi rivenditori online.

Addidas demo scarpe da corsa a Boston
Nel novembre 2016, Adidas ha preso in giro una sneaker realizzata in plastica oceanica. La scarpa è creata da un tessuto chiamato “Biosteel”. La scarpa è chiamata “Adidas Futurecraft Biofabric”. Il materiale utilizzato è il 15% più leggero delle fibre di seta convenzionali ed è biodegradabile al 100%. La scarpa inizia a dissolversi solo quando viene messa a contatto con un’alta concentrazione dell’enzima digestivo proteinasi, che avviene naturalmente. Una volta che questo accade, le scarpe possono decomporsi entro 36 ore. La scarpa non fu mai rilasciata.

Andare con lo skateboard
Adidas Skateboarding produce scarpe realizzate appositamente per lo skateboard, compresa la riprogettazione dei modelli precedenti per lo skateboard. Il marchio rilascia anche modelli firmati progettati da team rider.

ACCESSORI

Adidas “Fresh Impact” – Bottiglia in edizione limitata
Adidas disegna e realizza sandali in stile slide, accessori mobili,  orologi, occhiali, borse, cappellini da baseball e calze. Inoltre, Adidas ha una gamma di marchi di deodoranti maschili e femminili, profumi, dopobarba e lozioni.

Adidas ha annunciato che avrebbe lanciato un nuovo braccialetto Fit Smart da $ 199 a metà agosto 2014. Il braccialetto si abbinerà all’app miCoach di Adidas, che funge da personal trainer.

Adilette
Adilette è stato il primo paio di sandali realizzati da Adidas, originariamente sviluppato nel 1963. L’Adidas afferma che un gruppo di atleti si è avvicinato ad Adi Dassler chiedendo che fosse fatta una scarpa per lo spogliatoio.

Fino ad oggi, i sandali risultanti sono un best-seller.  Dal momento che i sandali originali Adilette blu scuro e bianco sono stati creati quasi cinquanta anni fa, sono state create più varietà in diversi colori (nero, rosso, verde, grigio, arancione, marrone, giallo, rosa, dorato, argento). Più recentemente, Adidas ha introdotto una combinazione di colori che va di pari passo con la sua linea Predator e adizero; lo schema è dubbed warning (orange) e purple. Di solito, le tre strisce appaiono nel colore a contrasto sul cinturino dei modelli classici. La livrea adilette più comune è in blu navy o nero, mescolato con colori bianchi. Anche i modelli Woodilette e Trefoil seguono un design simile ma senza strisce sul cinturino.

Il modello offre una suola in gomma ortopedica sagomata con tomaia sintetica ed è stato progettato come uno scivolo per l’après-sport, ma le adilette sono state rapidamente utilizzate ovunque fuori dal mondo dello sport. Optando per un ampio, oltre la cinghia del piede piuttosto che il design di infradito, i sandali adilette offrono uno stile fresco e un diverso livello di comfort per chi li indossa. Il cinturino è anche incollato ai lati del sandalo, che dirige la tensione verso le zone meno stressanti del sandalo, il che conferisce ai sandali una maggiore durata.

Santiossage
Il Santiossage è un sandalo stile slide unisex. Il sandalo ha il marchio registrato tre strisce su un cinturino in velcro verso la parte anteriore della scarpa. Santiossage è disponibile in nero, blu o rosso. Sul lato della scarpa, verso il tallone su entrambi i lati, appare il nome del produttore, così come su un emblema rotondo nel tallone reale del foot-bed. In particolare, ci sono piccole protuberanze da massaggio chiare sul pavimento del piede allo scopo di massaggiare i dolori post-sportivi, sebbene i sandali siano indossati casualmente tra i non atleti. Visto attraverso questi nubs chiari sono tre strisce di Adidas.

Adissage

Un paio di Adissage
Adissage è anche un sandalo stile slide in stile unico. Disponibile in nero, blu navy, blu chiaro, nero con rosa e altri colori assortiti, il sandalo ha il marchio registrato a tre strisce su un cinturino in velcro verso la parte anteriore della scarpa. Sul lato della scarpa, verso il tallone su entrambi i lati, appare il nome del produttore, così come su un emblema rotondo nel tallone reale del plantare. Come il Santiossage, ci sono delle minuscole protuberanze nere su tutto il pavimento del piede allo scopo di massaggiare i dolori ai piedi dopo lo sport, anche se popolare come un sandalo informale tra i non atleti.

Il Marketing di Adidas

Chuck D in una tuta da ginnastica Adidas
Adidas, come gli altri marchi sportivi, si ritiene generi una forte fedeltà alla marca dei consumatori. La fedeltà alla marca nei confronti di Adidas, Nike, Inc., Puma AG e molti altri marchi di abbigliamento sportivo è stata esaminata in un recente studio [61]. Lo studio ha rilevato che i consumatori non hanno mostrato un’eccessiva lealtà nei confronti di tali marchi.

Tra la metà e la fine degli anni ’90, Adidas ha diviso il marchio in tre gruppi principali, ognuno con un focus distinto: Adidas Performance è stata progettata per mantenere la loro devozione verso l’atleta; Adidas Originals è stato progettato per concentrarsi sui precedenti design del marchio, che è rimasto un’icona di stile di vita popolare; e Style Essentials, che si sono occupati del mercato della moda; il gruppo principale all’interno di questo è Y-3 (che è una collaborazione tra Adidas e il famoso stilista giapponese Yohji Yamamoto – la Y che rappresenta Yamamoto e la 3 che rappresenta le tre strisce dell’Adidas).

Lanciato nel 2004, “Impossible is Nothing” è una delle campagne più memorabili della compagnia. La campagna è stata sviluppata da 180 / TBWA con sede ad Amsterdam, ma un lavoro significativo è stato svolto anche da TBWA \ Chiat \ Day a San Francisco.Alcuni anni dopo, Adidas lanciò una campagna specifica per il basket – “Believe in 5ive” – ​​per la stagione NBA 2006-2007.

Nel 2011, “Adidas is all in” è diventato lo slogan di strategia di marketing globale per Adidas. Lo slogan mirava a legare insieme tutti i marchi e le etichette, presentando un’immagine unificata ai consumatori interessati allo sport, alla moda, alla strada, alla musica e alla cultura pop. Sembra che ci sia una connessione con la frase “all-in” che significa “esausto” in alcune nazioni di lingua inglese.

Nel 2017, Adidas rivela “Creating the New” come nuovo motto aziendale per i prossimi cinque anni. Questo piano mira a concentrarsi sul potere della tecnologia sportiva innovativa per migliorare la salute e la felicità dell’individuo. Cercano anche di tradurre l’atteggiamento e lo stile di vita attraverso lo sport attraverso la loro strada

Marketing in India
L’India è stata un mercato molto speculativo per Adidas. Nonostante questo Dave Thomas, l’amministratore delegato di Adidas in India è ambizioso del potenziale del Paese.  L’azienda spera di raddoppiare le sue entrate da Rs. 805 crore entro il 2020.Nel 2015, la società aveva firmato Ranveer Singh, un importante attore di Bollywood come ambasciatore del marchio nei prodotti dell’azienda. Ranveer era allora un attore in erba. Successivamente la compagnia decise di usare l’adorazione quasi religiosa del popolo per il gioco cricket per promuovere il proprio marchio. Presto lanciò una nuova campagna di cricket nel paese . La campagna si chiamava FeelLoveUseHate con il famoso giocatore di cricket indiano Virat Kohli.  Tuttavia, nel 2017, Virat Kohli è stato rimosso come ambasciatore del marchio della società. [68] Il giocatore di cricket in seguito ha firmato un accordo importante con Puma India.  La società vende anche i suoi prodotti online attraverso siti di e-commerce come Myntra, Snapdeal, Jabong e Amazon. Adidas ha anche un sito web dedicato al pubblico indiano che commercializza e vende prodotti ai suoi consumatori in India.

Pubblicità del gioco
Il marchio è presente in diversi giochi, tra cui Commodore Amiga: Daley Thompson’s Olympic Challenge, Sony PlayStation: Adidas Power Soccer e Commodore 64, ZX spectrum, Amstrad CPC: Adidas Championship Football.

collaborazioni
Adidas ha fatto diverse collaborazioni con noti designer, tra cui Jeremy Scott, Alexander Wang e Raf Simons. Hanno anche contattato diverse celebrità, come Kanye West, Pharrell Williams e Stan Smith per creare alcuni dei pezzi più importanti e ambiti della compagnia.

Il 14 febbraio 2015, Kanye West ha collaborato con Adidas per creare la prima coppia di Yeezys, portando infine alla propria linea di abbigliamento che avrebbe trasformato l’industria dello stile di vita e dello streetwear .

 

Sponsorizzazioni
Articolo principale: Elenco delle sponsorizzazioni Adidas

Lionel Messi, sponsorizzato da Adidas, si prepara a sparare con il suo piede sinistro dominante durante la finale della Coppa del Mondo FIFA 2014.
Adidas ha numerosi pacchetti importanti per le società di calcio di tutto il mondo, incluso il loro principale sponsor, il Bayern Monaco . Altri club includono Real Madrid,  Manchester United, River Plate, Milan e Juventus. Inoltre, le loro squadre nazionali sponsorizzate includono Germania, Spagna, Messico, Argentina, Svezia, Giappone e Russia.

Adidas ha sponsorizzato numerosi giocatori, tra cui Lionel Messi, Zinedine Zidane, Kaká, David Beckham, Steven Gerrard, Gareth Bale, Thomas Müller, Xavi, Mesut Özil, James Rodríguez, Keylor Navas, Arjen Robben, Paul Pogba, Dele Alli, Luis Suárez, Ivan Rakitić, Diego Costa, Iker Casillas, David Alaba, Roberto Firmino e Manuel Neuer.

L’Adidas è uno degli sponsor ufficiali della UEFA Champions League e l’Adidas Finale è il pallone ufficiale della competizione. Oltre allo scarpone Adidas Predator di cui sopra, Adidas produce la gamma di scarpe da calcio adiPure. Adidas fornisce abbigliamento e attrezzature per tutte le squadre in Major League Soccer (MLS).

Nel luglio 2014, Adidas e Manchester United hanno concordato un pacchetto di dieci anni, a partire dalla stagione Premier League 2015-16. Questo kit ha un valore minimo garantito di 750 milioni di sterline (1,29 miliardi di dollari), il che lo rende il più prezioso affare di equipaggiamenti nella storia dello sport, e ha sostituito la rivale Nike come partner globale del club. Adidas stanno per negoziare un accordo con l’Arsenal dalla stagione 2019.

 

Andy Murray ha approvato Adidas dall’inizio della stagione 2010 fino alla fine della stagione 2014, ricevendo 4,9 milioni di dollari all’anno.
Nel novembre 2009, il tennista numero 4 del mondo Andy Murray è stato confermato come la stella più pagata di Adidas con un contratto quinquennale del valore di US $ 24,5 milioni. A Cincinnati, all’ATP Tennis Tournament di Mason, hanno anche sponsorizzato le uniformi di ball-boy e ball-girl. Adidas è anche partner di Malibu Tennis Camp, Green Fitness GmbH e Schöler & Micke Sportartikel Vertriebs GmbH.

Adidas ha sponsorizzato numerosi giocatori di basket passati e presenti come Kareem Abdul-Jabbar e Tracy McGrady, così come Chauncey Billups, Derrick Rose, Brandon Knight, Eric Gordon, Josh Smith, Damian Lillard, Andrew Wiggins, Tim Duncan, Jeremy Lin, Iman Shumpert , John Wall e Nick Young. Adidas ha approvato Kobe Bryant con Adidas Equipment KB8 come sua prima scarpa firmata fino al luglio 2002 . La società ha anche approvato Kevin Garnett fino alla sua rinuncia al suo contratto nel 2010.  Gilbert Arenas è stato un endorser Adidas fino al 2010.Nell’agosto 2015, James Harden ha lasciato la Nike per Adidas firmando un contratto di 13 anni, del valore di US $ 200 milioni .

Nell’unione di rugby, Adidas è l’attuale fornitore di equipaggiamenti per gli All Blacks, la squadra nazionale francese, la nazionale italiana di rugby e gli squadroni del Sud Africa e le squadre di rugby della Western Province, tra gli altri. Adidas è anche lo sponsor di abbigliamento della Nuova Zelanda Rugby Union e fornisce abbigliamento a tutte le franchigie Super Rugby, una selezione di squadre nazionali e arbitri nazionali. Adidas è anche il fornitore ufficiale di palloni da calcio per la Heineken Cup. Adidas era il fornitore di kit Lions britannici e irlandesi dal 1997 al 2013. Sono i produttori di jersey del club Gold Coast Titans Rugby League nella National Rugby League australiana. Il doppio pugile internazionale e ex giocatore di rugby e lega, Sonny Bill Williams è un ambasciatore globale per Adidas.

Adidas ha fornito attrezzature da hockey su prato e sponsor numerosi giocatori di Germania, Inghilterra, Olanda, Australia, Spagna e Belgio. L’azienda è stata il fornitore di kit di squadre argentine femminili e maschili da oltre 15 anni.La società sponsorizzò anche i club Reading,  Beeston e East Grinstead.

Nell’hockey su ghiaccio, l’Adidas ha firmato un accordo con la National Hockey League (NHL) come fornitore ufficiale di uniformi e abbigliamento con licenza, a partire dalla stagione 2017-18. Adidas sostituirà la propria controllata Reebok come fornitore ufficiale .

Le sponsorizzazioni di cricket di Adidas includono i giocatori di cricket Lasith Malinga, Kieron Pollard, Dwayne Bravo e K. L. Rahul. Adidas sponsorizza il giocatore di pallavolo Ivan Zaytsev. Giocatore di pallavolo Earvin N’Gapeth pubblicizza come modello e ambasciatore del marchio per Adidas

ESPERTO IN: realizzazione siti internet | grafico pubblicitario | indicizzazione e posizionamento siti  

Fornisco servizi di consulenza a grandi e piccole imprese, pubbliche amministrazioni e privati coinvolgendo i più innovativi media realizzo siti internet, eCommerce e grafica pubblicitaria.
La mia esperienza decennale in studi grafici italiani ed esteri mi permette di Impartire lezioni in: grafica, web, fotografia digitale, video editing e marketing.  
CONTATTAMI QUI – Tel. 348.76.23.486

Posted in Brand Story.